martedì 12 aprile 2011

Poi all'improvviso una grande merda

Esci da una brasserie brussellese dopo una simpatica cenetta con amici, che loro, gli amici, son simpatici e rallegrano l'umore, e ti dirigi verso casa, verso le 22, verso Place du Grand Sablon, mentre Bruxelles decide che il sole degli ultimi giorni è stato fin troppo acceso e quindi prepara il cielo d'un velo scuro e meno festoso. Davanti all'improvviso vedi un gruppo di persone in posa per una foto, tipo quelle compagni di classe, tipo una tribuna in miniatura in attesa del flash, e senti qualche voce italiana, pensi a un gruppo di studenti allora, un gruppo di turisti o un gruppo di ragazzi italiani a Bruxelles, che ce ne son tanti qui, di passaggio e non. Ci passi vicino e vedi un tizio al centro, bassino, con gli occhiali, i capelli bianchi e la circonferenza prorompente, Ma dov'è che l'avrai già visto - pensi - quando l'occhio, passando, ti cade su qualcosa di verde che porta alla giacca e allora il dubbio ti mordicchia la fronte e il sopracciglio s'intreccia con le rughe, mentre rallenti il passo e ti volti, di nuovo, di nuovo, Ma lo conosco - ti domandi - mentre la tua ragazza ti mette fretta, che ha freddo e si fa tardi, e il dubbio è sempre lì e all'improvviso incontra la luce, il cielo tuona, all'improvviso una grande merda, all'improvviso ti accorgi che quello lì è Borghezio, sì, è proprio lui!

Che certe cose, poi, non te le aspetti così all'improvviso, in una serata tranquilla di vita brussellese e invece ecco che, lì, a pochi metri, c'è qualcuno di quelli che, la tua ragazza ti domanda, le balbetti qualcosa, lei capisce e cerca di tirarti verso casa, strattona la tua giacca, ti conosce e quanto è saggia, quanto sono sagge loro, eh? Ma tu non trattieni, te lo senti salire dentro, il conato di vomito, il testosterone che fibrilla impaziente, le voci di quella scena di Quinto potere rivista proprio in mattinata dopo la morte di Lumet, la tua ragazza ti strattona, i ragazzi fanno le foto, il gruppo è già a una decina di metri, il cielo si fa tetro, la tua ragazza quasi ti spinge, Bruxelles sembra incazzata, troppo sole, troppo sole all'improvviso e poi all'improvviso una grande merda, non trattieni, ecco, esplodi: "SEI UNA MERDAAAAAAAAAAAAAAAAAAA" - ti esce che neanche te ne accorgi - "SEI UNA MERDAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA" - sale fuori che è un piacere, mentre lei ti strattona ancor più forte, dal gruppo qualcuno si volta, se lo circondano per bene, mentre nella notte si spegne quell'eco "RDAAAAAAAAAAAA A AAAAA.. A.. A... a.. ", che ovviamente dopo aver letto qui, era riferito al cielo, a chi sennò?

24 comments:

Anonimo ha detto...

da italiana del sud, ma proprio del sud sud sud, non posso che dirti: grande! Mi associo. Adel.

vinz_745 ha detto...

Ma no dai. Secondo me dialogavi con te stesso. Come Ibra;)

Baol ha detto...

Grandissimo!

rafeli ha detto...

mah, sai... fare ste cose significa diminuire la distanza tra te e lui. Devi pure tenere presente che Borghezio non e' considerato un politico nemmeno dai colleghi leghisti, credimi. E poi ho sentito che a Bxl lo puoi incontrare spesso nei ristoranti napoletani, in particolare uno di cui non ricordo il nome.

andima ha detto...

@Adel
è che.. se non lo facevo poi non dormivo, davvero!

@vinz
Eheheheh sì, parlavo da solo, è che poi non ci sento bene e grido, per sentirmi meglio :)
p.s. Ibra è nervoso, perché l'anno prossimo arriva CR7 :D

@Baol
grazie:) ma si poteva fare di meglio, ho reagito tardi, ma tanto si risolve poco e la mia ragazza è quella saggia.. come al solito..

@rafeli
non sarà considerato un politico ma intanto siede al parlamento europeo, mangia a sbafo con salario dubbiamente meritato + rimborsi e chissà quanti altri privilegi, senza contare che quando gli passano il microfono o si trova a un comizio.. beh.. basta cercare su youtube..

rafeli ha detto...

Io che sono molto più terrone di te ti dico: è lì perché è stato eletto. Non ha rubato niente. Mai lo voterei, però è stato eletto.

andima ha detto...

@rafeli
mi rendo conto che il dipinto che ne ho fatto potrebbe essere applicato a tanti altri politici ed hai ragione, è lì perché ha saputo "guadagnarsi" il suo posto, ma indipendentemente dalle ideologie politiche e dalla latitudine di origine, è difficile tollerare certi personaggi.
Probabilmente ho sbagliato, ma son fatto anche di stimoli e non son riuscito a trattenere, contro il cielo, intendo:)

TopGun ha detto...

http://youtu.be/FuRgf3VW42c

Stefano Magistri ha detto...

Ho avuto paura per la tua incolumita'! Meno male che sei ancora tra noi!

Hai fatto bene, solo per il fatto che senno' avresti perso il sonno!

Anonimo ha detto...

io avrei fatto molto di peggio e non mi sarei trattenuto da buon italiano "caliente" del sud

orma ha detto...

Io sono del nord, per la precisione abito nella pianura padana che è una parte del nord Italia, che è una parte dell'Italia, che è una parte dell'Europa, che è una parte del pianeta Terra, che è una parte del sistema solare,...
Peccato che certe persone abbiano la possibilità di parlare e di essere eletti, ci vorrebbe uno sbarramento basato sul QI per le persone che possono essere elette.

pedro ha detto...

hai fatto quello che ogni persona con un minimo di dignità dovrebbe fare.
Non solo con quella MERDA col fazzoletto verde, ma con il 99,99999% dei politici (locali, europei o nazionali).

Non c'è bisogno di nascondersi, vergonarsi o aver paura quando si agisce in questo modo.
Di ibra (altra tipologia di MERDA, con l'aggravante che passa pure per esempio ed mito per molti) ce ne sono già tanti.

andima ha detto...

@Top
:D l'avevo dimenticata quella canzone:) e mi stavo quasi preoccupando della tua assenza!

@Stefano
sì, se non bestemmio contro il cielo poi non dormo :P

@Anonimo
Il problema son poi le conseguenze, che non so cosa avrebbero potuto comprendere. Il giorno dopo per curiosità mi son informato, ho trovato il pdf che ho linkato nel post, secondo cui non si può nemmeno dare del ladro a chi è stato condannato per furto, certo siamo in Belgio e quelle sono leggi italiane, ovviamente non valgono, era solo per avere un'idea e anzi, probabilmente i server di Blogger sono negli Stati Uniti ma in teoria potrebbero essere ovunque, quindi non so neanche quale legge si potrebbe applicare, cmq questo per dire che una denuncia potrebbe essere sempre dietro l'angolo ma non è soltanto quello.
Probabilmente se lo incrocio di nuovo, avrò la stessa reazione, certe cose sono difficili da trattenere.. intendo contro il cattivo tempo... :)

andima ha detto...

@orma
ero sicuro che certi personaggi non rappresentassero tutto l'elettorato del nord Italia e tu ne dai l'ennesima conferma, tra l'altro noi non possiamo nulla nell'assegnazione dei posti al parlamento europeo (se non sbaglio) e certi politici fannulloni finiscono col sbarcare a Bruxelles, lontano dai nostri occhi, dalla tv e da possibili (improbabili) servizi di aggiornamento, quello che manca è la trasparenza, sull'assenteismo, sul lavoro svolto, sui benefici ottenuti, ci fossero meccanismi del genere.. beh son sicuro che avremmo molte meno facce note in politica, un bel ricambio, indubbiamente.

@pedro
aspetta ma.. il cielo non aveva il fazzoletto verde :D
Cmq per fortuna che ero con la mia calma saggia ragazza, che tra una trattenuta e una spinta, ha ridotto la cosa a poche grida, che non è che si poteva fare di più, voglio dire, ogni cosa ha i suoi limiti e una contestazione è solo una contestazione, appunto.

TopGun ha detto...

il video da me postato è sempre riferito al clima pazzo eh.
non trascendiamo :D

chechi ha detto...

aajajaj! mitico!!! hai fatto bene! io una volta ho incontrato sgarbi a fiumicino e gli ho detto "ma quanto sei brutto!??!" e poi sono scappata! hjhjhj!

rafeli ha detto...

Ecco appunto: vedi? Dagli altri commenti si vede che il turpiloquio per esprimere dissenso e' largamente accettato come cosa buona e giusta. Non ce l'ho con te, che anzi ammetti di aver fatto bene a limitarti, ma con l'opinione generale che questi gesti siano da apprezzare.

Voglio dire: sai cosa mi fa piu' paura di Borghezio?

Mi fanno paura quelli che lo chiamano fascista e violento, e poi o gli impediscono di parlare o lo picchiano proprio:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/12_Dicembre/18/borghezio.shtml

E potrei continuare: cosa mi fa piu' paura di Giuliano Ferrara? Quelli che si radunano sotto il palco e non lo fanno parlare a forza di buuu.

Perche' si tratta di altrettanta violenza e prevaricazione, solo che questa gente e' sotto una bandiera di colore diverso. Non si tratta di una differenza di "sostanza".

TopGun ha detto...

@rafeli,

gli imbecilli sono imbecilli.
Penso che qui siamo tutti d'accordo su questo.

Il post di Andima, al quale tu non ti sei rivolto, voleva giusto fare dell'ironia su un personaggio del quale non condivide idee e modo di fare.

Giuliano Ferrara che citi, fa le stesse identiche cose dall'alto della sua posizione.
Io condanno chi non lo fa parlare e condanno lui.
Per equità mi sentivo di scrivere queste due righe, perché far passare borghezio e ferrare come due vittime non mi pareva equo.

Buon senso, equilibrio.
No a chi da del fascista a borghezio e poi si comporta da fascista e no a borghezio che si comporta nello stesso identico modo.

my two cents :)

pedro ha detto...

@rafaeli: forse dovresti accettare che esiste la libertà di dissentire, protestare, alzare la testa, dimostrare orgoglio...

Il popolo bue è quello che desiderano i media asserviti al sistema ed ai poteri forti, i potenti.

Non posso parlarti del dare del fascista ad altri, in quanto è un'accusa che viene fatta a me stesso, ma se ogni volta che protesto vengo descritto come violento, criminale, reazionario, delinquente, è una cattiva comunicazione da parte del regime.

Non credo di essere nessuna delle veci citate, ma mi basta aprire bocca, dire NO a chi ha spazio quotidiano su tv, giornali, muri, istituzioni, dibattiti, per trovarmi dalla parte del torto.

Quella che descrivi tu si chiama dittatura.
Tutti zitti, impauriti, asserviti.

Dire a borghezio o a qualsiasi altro politico italiano che è una MERDA, credo faccia parte del minimo di buonsenso che ancora dispongo.
Se avessi le forze agirei anche fisicamente, storicamente si chiama defenestrazione (se vuoi rivoluzione) e l'hanno fatta altre persone prima di me.

"Where the people fear the government you have tyranny. Where the government fears the people you have liberty." Thomas Jefferson

rafeli ha detto...

@pedro:
sei fuori dall'argomento di molto. Non di poco. Di moltissimo.

Scrivi:
"Il popolo bue è quello che desiderano i media asserviti al sistema ed ai poteri forti, i potenti."

No guarda, i poteri forti vogliono gente che crede di esprimere un dissenso urlando "merda". Potesse, Berlusconi ne vorrebbe tanti ad ogni comizio, perché fanno il suo gioco. Infatti quando ne trova non gli ignora, ma anzi dialoga con loro.

Vedi, chi non urla Merda non è un asservito o un impaurito. Non è automatico. Io Borghezio non lo voto e basta. Fino a quando il mio voto vale 1, io non lo voto e RISPETTO quelli che lo hanno votato.

Piuttosto, ai "poteri forti" fa comodissimo che esista una popolazione che si ritiene minoranza illuminata in lotta contro una dittatura, magari anche con "defenestrazioni" come le chiami tu.

Serve, perché la si può additare come violenta (a volte a ragione) e perché essendo inconcludente, è autolimitante e autocompiacente e non diventerà mai maggioranza.

andima ha detto...

@rafeli @pedro
la questione è molto interessante, avete sollevato due lati, due approcci. E' vero che dopo l'orgasmo di una manifestazione, per esempio il No B Day, poco cambia, si lascia sfogare il corteo e nel frattempo si continua a fare i propri comodi, magari con un metodo Cossiga addirittura girarsela a favore.
E' anche vero però che se pur il nostro voto vale 1 e non votiamo chi non consideriamo meritevole del voto, con rispetto per il voto degli altri, non è abbastanza, il voto è un'arma facilmente addomesticata, celebriamo tanto la democrazia ma come forma di governo ha mostrato i suoi limiti perché il popolo non è affatto sovrano: certo, non possiamo votare in maniera frequente in modo da rendere sì il popolo più partecipe ma senza dare il tempo ad una maggioranza di svolgere il suo lavoro (senza addossare le colpe alla maggioranza precedente) e non possiamo votare e pensare che con il nostro voto il dovere sia già compiuto.
Purtroppo non è solo una questione di scelte (chi votare, alternative e fogli bianchi) ma di azioni dopo la scelta. Internet secondo me potrebbe essere una soluzione, in un sistema (utopia?) di trasparenza di azioni, benefici, lavoro e produttività di ogni politico ed interazioni con i propri elettori, in modo da declassificare eventuali fannulloni, bugiardi, voltagabbana. Ma è ovvio che la questione è abbastanza complessa e non c'è una soluzione facile e rapida in termine di tempi e costi ed è ovvio che un cambiamento radicale difficilmente passa attraverso un voto, nella storia di solito si passa per una rivoluzione, ma fin tanto che al popolo non gli togli il pane, beh si continua a scavare.

Baol ha detto...

Immagino e ti capisco

Zax (Andrea) ha detto...

Andima, provo (timidamente) a suggerirti una riflessione: se per un post 'politico' (ma neanche tanto) tu avessi scelto di pubblicare qualche osservazione di Giovanni Sartori sulle varie sfaccettature dei vari sistemi elettorali, e dell'importanza delle circoscrizioni, e sui vari aspetti di un sistema proporzionale rispetto a un maggioritario, ecc ecc ... secondo te in quanti avrebbero commentato ?

:-)

Andrea

andima ha detto...

@Zax
ehehe lo so Zax, ma anche i commenti spesso sono impulsi e magari un post studiato avrebbe ricevuto meno contributi, che poi in questo blog la media di commenti per post è di 6.9, pochi, perché magari si legge e si preferisce non intervenire o si preferisce leggere i contributi degli altri. Comunque la mia esperienza è: quanto più mi piace un post, tanto meno sarà commentato:)