lunedì 14 dicembre 2009

Da quel letto d'ospedale

Da quel letto d'ospedale magari penserà agli ultimi sei mesi, con un po' di riposo, la calma ed il silenzio di un vecchietto colpito, magari ricorderà gli ultimi avvenimenti come un'onda continua di eventi da prima pagina, faranno male le ferite ed il colpo recente d'un odio ingiustificabile, saranno ancora freschi i segni di una notte che non si può cancellare ma che non diventi nuova arma nelle mani della propaganda, che non diventi buono spunto per vittimismo e richiesta di consensi: son sbagliati i ma di Di Pietro come il terrorismo di Bossi e non ha senso diffondere odio inutile a causa d'un inutile odio.
Da quel letto d'ospedale magari penserà a tutti i comizi ed i discorsi dagli ultimi convegni, ai continui attacchi ai giornali ed alla magistratura ed a come anche quelle sue parole ripetute, anche quel tormento incessante avrebbero potuto influenzare qualcun altro ad un altro inutile odio magari contro un giornalista, magari contro un magistrato; per i toni e le maniere, per le urla e la foga con cui senza sosta si e' cercato di persuadere il popolo ad acconsentire a leggi personali e sfascio del paese, richiamare consensi nei momenti più duri e fomentare sentimenti sicuramente non politici dalle conseguenze poi senza senso.
E magari da quel letto d'ospedale penserà ad abbandonare alcuni temi ricorrenti, forse smettere di violentare una democrazia per i propri interessi personali, per salvarsi da una corte ed un giudizio che gli fan paura ma son doverosi; che non sia un altro visconte dimezzato di Calvino che dopo il colpo si sdoppia ed a tornare e' solo l'odio ne' un altro Mussolini che dopo gli attentati sapeva ben manipolare gli eventi per approdare a nuove leggi, che non torni all'attacco a dimostrare o meglio a tentare d'essere un super uomo che a 73 non c'è più, che non accumuli rabbia in quel letto d'ospedale, non stringa troppo forte i pugni.
Da quel letto d'ospedale, mentre la luce del nuovo giorno penetra timida e silenziosa nella camera e fuori alla porta si accalcano voci, sorveglianze e lavoro, magari un umore nuovo, magari un po' più di rispetto, senza magie ne' rivoluzioni, ma solo la consapevolezza di certi limiti.

11 comments:

Tommy David ha detto...

Magari. Magari!

g.i.p.o. ha detto...

Berlusconi ravveduto? Penso che sia una pia illusione. Ha bisogno di cure psichiatriche, e sua moglie l'aveva detto.

sushi ha detto...

secondo me da quel letto d'ospedale stava pensando a come farsi l'infermiera......

S t E ha detto...

Chi visse sperando morì ... non si può dire!

ps: a proposito, i Litfiba si riuniscono!

andima ha detto...

dopo aver visto il video in cui esce dalla macchina e si da' in pasto ai media, foto col volto sanguinante, cibo succulento per i giornali di tutto il mondo e per lui e la sua propaganda, ne sono convintissimo: tutto cio' e' solo una potentissima arma nelle sue mani adesso e da quel letto d'ospedale dubito davvero che pensi un po' al suo operato.
Eppure mio nonno, della stessa eta', ogni volta che torna dall'ospedale per qualche ricovero, ne torna piu' silenzioso e pacato, cosciente degli anni passati e dei pochi futuri.. ma che dico, scusa nonno, scusa se solo per un istante ti ho associato a certi individui..

andima ha detto...

e anche questo post (come quello sul no b day) e' finito su Corriere.it!:)
Servegnini mi ha pubblicato la lettera su Italians, qui:
http://www.corriere.it/solferino/severgnini/09-12-15/04.spm

l'ultima volta ho ricevuto qualche email di insulti ma anche molte di pacifico dialogo, vediamo un po' questa volta che succede.. :)

pedro ha detto...

andima, ma a nessuno è venuto in mente che potrebbe trattarsi di una bella messa in scena?

gli ingredienti ci sono tutti.
un panno nero nella sua mano, portato al volto.
denti rotti e naso fratturato, ma nessuna fuoriuscita di sangue vivo, solo...colore rosso...
un 73 che prende un oggetto in viso, che con tutto lo shock, salta sulla macchina a farsi vedere dai mille flash e tv.
l'attentatore pazzo...

io non ho seguito molto la vicenda, ma, a gurdare bene, qualche dubbio mi viene.
berlusconi deve trovare un motivo per lasciare il campo.
troppe attenzioni su di lui.
la morte o un episodio eclatante avrebbero salvato la faccia e l'onore del re.

ora si proclamerà santo subito ed eroe, con buona pace dei cavesi ;)

Tommy David ha detto...

Pedro, qualche legittimo dubbio è venuto anche a me (cerca tracce sul mio blog). Ma la spiegazione di Travaglio m'ha soddisfatto. E m'ha inquietato ancor più sullo psicolabile.

andima ha detto...

@pedro
oggi e' scoppiato in tutta la rete il caso della montatura, da youtube a facebook a mille blog che stanno anche a litigare tra loro per una parola non letta o mal interpretata (tra i piu' famosi: Metilparaben, Civati, Wittgenstein), il solito Paolo Attivissimo si e' rifiutato di argomentare la cosa perche' troppo stupida, in generale e' una faccenda molto pesante, affermare una cosa del genere senza prove non so fino a che punto si possa farlo, pero' mi dispiace che molti che esprimono solo dei dubbi, delle semplici domande, sono attaccati come complottisti e sfigati, in fondo, come diceva Socrate, il dubbio e' la madre di ogni conoscenza.
Ho seguito tutta la vicenda su google reader, condividendo e commentando con tanti, ma il blog non lo inquino con queste cose;)

g.i.p.o. ha detto...

tutto il rispetto per tutti i punti di vista, anche per i complottisti, ma se i complottisti si rivedessero il video dell'incidente con il sonoro, sentirebbero il cozzo fra la pietra dell'oggetto e le ossa del premier. e' un rumore orrendo, credo basti quello a rassicurare tutti sulla veridicita' dell'azione.

Anonimo ha detto...

Ma come si fa a continuare a blaterare come tanti idioti su Berlusconi? Queste sono le idee e le tesi della sinistra italiotta, che altro non fa che attaccare Berlusconi solo per abbatterlo ed andare al potere! E sai poi che bella alternativa! A sinistra sono omosessuali di vizio, spesso, e non per motivi genetici. Sai che bello Pecoraro Scanio che si bacia col suo "Lui" o Niki Vendola che fa sesso con un uomo! Peggio di Berlù, che è un vecchietto viziosetto ma almeno in chiave etero. L'unica cosa che è ingiusta a livello pubblico attuale da parte sua è il fatto che metta le sue zoccolette in parlamento: ecco, ciò è inaccettabile. Ma per il resto, ciò che vogliono gli Italiani è che eviti loro tasse e che sgobbi per far ricrescere l'Italia. Illusi, dirà qualcuno. Ma cosa offre l'alternativa di sinistra? Ancora di meno! E tasse garantite! La morale della sinistra? Ma per favore! E' sempre stata per decenni l'amore libero e la deboscia, suvvia..."Libero" nel senso di potersi abbandonare a ogni uzzolo o vizietto. E allora fa ridere vedere le critiche a B. A molti Italiani fanno schifo le idee di Zapatero, idee che sono quelle della sinistra italiotta. Ma per piacere! Le idee e le immagini dei films di Tinto Brass sono la moralità della sinistra italiana! Ben peggio di B. ! Andate a ffanculo voi ed i vostri Litfiba: meglio i vecchi Pink Floid o Deep Purple. La sinistra italiana è veramente il bue che dà del cornuto all'asino, e lo dico io che non sono né di destra né di sinistra, ma solo un italiano libero che non ne può più di tanta ipocrisia! Sveglia, gente! Idioti....