giovedì 3 dicembre 2009

Sciacallaggio mediatico

Sarebbe bello se davanti a queste immagini La Repubblica chiedesse scusa, il Corriere chiedesse scusa, addirittura Saviano chiedesse scusa, il Giornale chiedesse scusa, cosi' come tutti coloro che come avvoltoi si son lanciati ad accusare e criticare il popolo napoletano per una indifferenza che in realtà non c'è stata, per una assuefazione a fatti di cronaca cosi' sconcertante che in realtà scompare nella versione integrale del filmato ma che di fatto si ha voluto diffondere, gridare, in tutto il mondo. Non e' soltanto un caso di cattiva informazione, tutto ciò e' stato puro sciacallaggio ("la parola sciacallaggio, si riferisce a chi depreda la proprietà altrui in occasione di catastrofi o altri eventi eccezionali") di dignità, rispetto ed amor proprio per chi vive in realtà sicuramente non facili, per chi probabilmente non e' senza peccato, ma non può essere dipinto alla stregua di animali, non può, non merita.


12 comments:

vinz_745 ha detto...

In geneerale non c'è dubbio che la mediocrazia, oltre a tutto il resto, sia anche fortemente anti-meridionale ed anti-napoletana in particolare.

Esempio classico è il modo in cui è stata raccontata la crisi dei rifiuti.

Nello specifico peró mi viene un dubbio. Il video è stato diffuso dalla questura per favorire la cattura dei colpevoli. Chi l'ha fatta la manipolazione? La questura? o i giornali?

andima ha detto...

vinz mi son chiesto la stessa domanda anch'io, si dovrebbe fare piu' chiarezza ma ovviamente mancano i mezzi

il video sta girando da alcuni giorni in rete ma non ottiene lo stesso interesse, forse perché accusare fa più richiamo che scusarsi, forse perche' dare addosso a Napoli e' piu' bello del cercare di capire certe cose o di ammettere che si e' sbagliato, non so, sarebbe davvero bello vedere queste scene integrali ora in prima pagina su Repubblica cosi' come lo ero all'inizio della vicenda, ma son tutte utopie..

p.s. pronto per domani?:)

vinz_745 ha detto...

Assolutamenti si,
Ho portato anche la videocamera.
Tu vieni? Ci vediamo lí.

pedro ha detto...

su Napoli si sta facendo da anni uno sciacallaggio infame.

da napoletano che vive all'estero, a sentire le "bombe" mediatiche, avrei dovuto aver paura di ritornarci, nella mia città.

lo scorso anno, con coraggio e tanta paura, ci provai, portando anche la mia ex.

ebbene, si era ancora nella fase munnezza et simili, mi aspettavo una città in ginocchio.

invece, Napoli, con milioni di problemi che ha, è capace ancora di accogliere la gente.
zoppicando, con lacune, scarsa organizzazione, riesce comunque a lasciare un segno.
forse perchè a guardarla bene, è sempre viva, fedele alle sue regole/non regole.
è l'unica città europea che ha ancora un'anima, altro che indifferenza!
a Napoli, io continuo a incontrare ed a parlare con perfetti sconosciuti, a Napoli ogni volta che apri bocca con qualcuno, pure per chiedere che ore sono, ti senti raccontare qualcosa e chi è con te, alla fine deve chiederti "ma lo conoscevi?".
No, non lo conoscevo, è un napoletano.
perchè alla faccia di quello che inventano i giornali, a Napoli esiste ancora la solidarietà, la voglia di parlare, di non nascondersi, di aiutarsi, seppure la paura diffusa da un mostro tentacolare, sia forte ed abbia abbattuto il morale di molte persone.

ancora oggi, quando sento la mia ex, mi racconta che sogna di ritornare a vedere Napoli...

andima ha detto...

@pedro
Napoli ha sicuramente tante facce, anche totalmente opposte, e' vero. Vedendo quel video e' stata attaccata e molte considerazioni magari ci stavano pure, magari si son portate all'esagerazione. Sarebbero state belle pero' delle scuse, un gesto dovuto, o se non le scuse, almeno diffondere questo filmato integrale che invece neanche nella rete sembra suscitare interesse.. sono molto amareggiato a riguardo :(

bacco1977 ha detto...

Ho visto solo ora il video con colpevole ritardo.
Feci un post a riguardo, di quelli miei, duri ed antipatici, che non ritiro assolutamente.
Parlo da meridionale figlio di napoletani, di centro citta' e provincia (Portici).
E' una realta' che conosco bene, molto bene. Conosco entrambe le facce di Napoli. Quella bella, attiva, onesta, intellettuale, capace, talentuosa, ma anche la peggiore.

Le parole di Saviano restano, non credo si debba scusare. Che si faccia speculazione su Napoli e' solo perche' il fenomeno camorra ha attirato l'attenzione dei media nazionali e non, visto che, proprio Saviano, ha avuto il merito di farci aprire gli occhi.

Ora, che si speculi, ci sta', questo e' il prezzo da pagare. Ma l'assuefazione per me resta. E non e' solo dei Napoletani. Ovunque si perpetui il male, tale male diventa poi una cosa normale per la societa' . Era normale a Dublino che i preti violentassero i bambini. Anche questa e' assuefazione.

E' normale oggi, a Dublino, che i drug dealers si sparino tra di loro. E' normale che i knacker facciano che cazzo gli pare. E' normale che uno pisci in pieno centro di sabato mattina davanti a tutti. Esempi di assuefazione NON Napoletana, come vedete.

@Vinz

Come potevano trattarla la crisi dei rifiuti i giornali?
Ragazzi ci rendiamo conto che abbiamo un territorio completamente rovinato, per sempre? Ci rendiamo conto che abbiamo una montagna di rifiuti tossici piu' alta dell' everest nella nostra regione?
La colpa di questo non e' SOLO dei Napoletani, ma degli imprenditori del nord. E questo Saviano lo dice sempre sia sui giornali che in televisione.
Resta una regione rovinata per sempre.
Lo vogliamo vedere questo o no?
Mozzarella di bufala alla diossina , la fine dei pomodori s. marzano e della mela annurca sono alcune delle conseguenze disastrose.

@Pedro
e' verissimo. A Napoli esiste la voglia di parlare, di stare insieme, di conoscere ed anche la solidarieta'.
Ma esiste anche la camorra, e quello sovrasta tutto.
Non ci sono scuse. Dobbiamo decidere da che parte stare. Inutile che facciamo (NOI) le vittime. Prendiamoci le critiche giuste e le speculazioni sbagliate, ma facciamo qualcosa!
Poco mi interessa che la gente mi dia a parlare se chiedo che ore sono!
Io voglio che la mia regione torni ad essere un posto normale!
E non una Gomorra (parole di Don Diana)


Occhio ragazzi che fare le vittime (NOI) non ci portera' da nessuna parte.
Dobbiamo essere noi a criticare fortemente per poter ottenere qualcosa!

Che poi il resto d'italia non sia poi meglio, su questo non ci piove, ma non e' una scusa.


Spero di aver espresso civilmente il mio dissenso.

bacco1977 ha detto...

Un' ultima cosa.
In una puntata di anno zero di 2/3 settimane fa, "profumo di mafia", un giornalista va in giro a chiedere alla gente del rione sanita' se la camorra nel rione esiste oppure e' solo una balla.
Provate ad immaginare la risposta......

vinz_745 ha detto...

@Bacco,

Ti rispondo per la parte che mi riguarda.

-Non mi è piaciuto che abbiano sempre parlato di Campania, quando il grosso della crisi è stato nelle province di napoli e caserta. Le mozzarelle alla diossina erano quelle casertane e non quelle salernitane. Avrebbero dovuto dirlo.

-Non mi è piaciuto che abbiano parlato di localismi guidati dalla camorra quando, ad esempio, si è ipotizzato si sversare tutti i rifiuti della regione nel comune di Serre, comune agricolo che ospita due oasi WWF. Se quelli che protestavano erano camorristi allora anche io lo sono.

-Non mi è piaciuto il fatto che si sia fatto passare il problema dei rifiuti come una cosa eslusivamente napoletana quando si tratta del problema più grosso dell'umanità intera. Ti metto un paio di link ad articoli su cui ho lavorato in passato (borse di plastica,africa, discarica dell'europa) per chiarire meglio a cosa mi riferisco.
L'altro giorno mostravano nell'atrio del nostro ufficio le foto satellitare di un 'continente' delle dimensioni degli USA formato da rifiuti ammassati dalle correnti nell'oceano indiano.
Posso cercarti un reportage della BBC su come gli ultra-ecologici tedeschi sversino rifiuti tossici nella repubblica ceca.
La crisi campana è consistita nel fatto che i rifiuti siano rimasti lí in bella vista dove sono stati prodotti.

-Nessuno ha detto ad esempio che gran parte dei rifiuti industriali tossici trovati nel casertano provengono da produzioni inesistenti in campania.

-In generale non mi è piaciuto che abbiano martellato a favore di soluzioni basate su incenerimento e discariche. Metodi fallimentari e anti moderni ma convenintissimi per le lobbies che controllano la mediocrazia.

Sono stradaccordo con te, invece, quando dici che il vittimismo piagnone dei meridionali è una brutta bestia, pericolosa almeno quanto, se non di più, del leghismo settentrionale.
Spero di averti chiarito a cosa mi riferissi.

bacco1977 ha detto...

@Vinz

Si Vinz, e su questo non ho nulal da eccepire, anzi.

Quel continente fatto da rifiuti l'ho visto pure io.....una cosa da non credere...

pedro ha detto...

d'accordo sul non fare vittimismo.
d'accordo che i problemi ci sono e andrebbero affrontati.
d'accordo che la camorra ESISTE, che s'ingrossa anche grazie all'omertà.
d'accordo con ogni critica seria si voglia fare, al fine di migliorare e non distruggere l'immagine di una città e dei suoi cittadini.

proprio quest'ultima è mancata.
come non conconrdo con chi descrive Napoli solo come la città dell'amore, del sole e della felicità, bisognerebbe anche prendere le distanze da chi fa sensazionalismo su notizie e situazioni, reali, ma che capitano ormai quasi ovunque.

andima ha detto...

ragazzi condivido molte delle vostre affermazioni, sapevo di toccare un argomento delicatissimo e non volevo affatto scrivere righe di vittimismo ma soltanto condividere il video: non appena l'ho visto ho pensato subito di postarlo sul blog perche' nonostante l'esiguo numero di lettori di questo piccolo angolo di pensieri, la rete e' fatta di connessioni e diffonderlo era la mia unica apprensione.
Il video e' andato in onda su canale5 in seconda serata ma non sembra aver avuto gran risonanza, sui giornali nulla, nella rete poco.

E' ovvio che questo video non cancella le tante cose negative per cui purtroppo Napoli e' famosa, ma visto che quelle immagini (del primo video) hanno fatto il giro nel mondo con parole pesanti a ricamo, mi e' sembrato il minimo lottare per il giusto e diffondere la versione integrale, per vedere le cose da altri punti di vista.

pedro ha detto...

a proposito, vi posto il link de "il mattino":

http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=83438&sez=MAIL

teo teocoli, commentando i petardi usati durante il derby di roma ha detto:
«Queste cose non succedono neanche a Napoli»

ormai, il commneto della gente comune è questo, niente è peggio di Napoli...