venerdì 15 gennaio 2010

Quell'Italia che non so

Chiacchierando con un'amica lituana l'altra sera, si parlava di caratteristiche comuni e differenze tra i nostri paesi cosi' distanti, con domande curiose e continue, come un appetito di conoscenze o soltanto la voglia di scoprire. Dopo diverse risposte, lei mi fa notare il mio eccessivo uso dei 'penso', 'credo', 'secondo me' e altre introduzioni ipotetiche utilizzate nel descrivere cose, fatti, persone. Ma possibile, mi domanda, che sul tuo paese sei incerto su cosi' tante cose? Il problema di base e' che le mie certezze, quelle da mano sul fuoco o meritevoli di verbi forti e sicuri, si poggiano su quello che succedeva tra le mura domestiche o nella cittadina sul mar Tirreno, intorno, la provincia, la regione, gli amici, l'università a poco più di un'ora di macchina, qualche fine settimana in giro un po' lontano, qualche gita, qualche viaggio, e poi? La verità e' che mi son reso conto di non conoscere tante sfaccettature del mio paese e non saper descrivere come vivono in Sardegna, cosa mangiano a Milano o le abitudini serali di Palermo. Se l'Italia può sembrare una nazione cosi' piccola sul mappamondo, in realtà e' un cosi' ricco mix di tradizioni, storia, abitudini ed evoluzioni a volte anche diametralmente opposte tra loro e la sola nazionalità, il solo fatto di essere italiano non mi autorizza a dire 'si in Italia e' cosi'' o 'no, in Italia non trovi questo prodotto' o 'si'  la sera i ragazzi fanno questo', perché non son mai stato in un supermercato di Trieste o in un bar di Genova o in una piazza di Campobasso o una discoteca ad Alghero. Io conosco soltanto l'Italia che ho vissuto, che ho percepito, che ho provato e che sicuramente non e' la totalità di tutto quello che contiene, offre, e'. Ed e' cosi' per ogni luogo, ogni posto, ogni persona.
Vi assicuro che non e' una bella sensazione, essere italiano ed acquisire la coscienza di non conoscere a fondo il proprio paese, tanto più quando ci si allontana per scoprire, imparare ed unirsi a viaggi altrui per ampliare i propri orizzonti culturali ed ideologici, e poi aver il rimorso di non aver girato abbastanza le proprie terre, conoscere a memoria alcuni microcosmi ma saperne altri solo come un turista ed i suoi viaggi da foto ed appunti. Qualunquismi e generalizzazioni sono dietro l'angolo, dove l'erba e il fascio si confondono erroneamente, e alle domande rispondo col dubbio, quasi fossi uno straniero anche li', dove inizia quell'Italia che non so.

18 comments:

Zax (Andrea) ha detto...

a volte lo penso anch'io; tanti viaggi in europa per vedere questo e quello, e non sono mai stato oltre Roma :-(

Forse quello che abbiamo facilmente disponibile non ci attrae, e le cose più 'lontane' o 'straniere' hanno più fascino ?

Luca ha detto...

Ciao Andima,
sono Luca di Dooblino (un paio di volte ci siamo visti a Dublino... anche in una serata tra bloggers..) non so se ti ricordi.

Sono tornato in Italia da quasi un anno ormai e ho anche cambiato il feed del tuo blog in .be (mentre molti altri dublinesi li ho cancellati perche' dicevano solo cazzate o cose estremamente banali...) e apprezzo sempre molto quello che scrivi.

Complimenti per la tua apertura mentale. Ti apprezzo.

Saluti.

Luca

andima ha detto...

@Zax
probabilmente sì, il lontano ed il mistero attraggono di più, soprattutto quando si ha la superbia nel pensare di conoscere già il proprio paese e invece no. Quando mi domandano ad esempio se mangiamo zuppe in Italia, io rispondo che nella mia regione non tantissimo, ma forse al nord ne consumano di più: uso il forse, perchè non ne sono sicuro. Quando mi domandano se in Italia si trova nei negozi una crema francese che qui usano spessissimo per cucinare e anche la mia amica lituana la usava casa, beh io quella non l'ho mai vista in giro nelle mie zone, ma forse in altre parti d'Italia c'e', ecco un altro forse. E non puoi immaginare quanti altri ne vengono fuori, su cose banali, su cose della quotidianeità, etc. Prima dicevo no, ma era un no personale, legato alle mie esperienze e conoscenze. Ora dico forse sì, forse no, perchè io tutta l'Italia non la conosco e preferisco non dare notizie come verità, se non ne sono veramente sicuro:)

@Luca
certo che mi ricordo!
quando è scaduto il dominio del tuo blog e l'hanno rimpiazzato con le solite pagine collezioni di link, ci son rimasto perchè in quel modo si son persi i contatti. Mi ha piacere ritrovarti qui nei commenti, grazie per la visita:)

Anonimo ha detto...

Ciao volevo farti i complimenti per il tuo blog. Lo seguo sempre con piacere ed è uno spaccato di vita, "estranea" al nostro piccolo orticello italico, molto ineressante.
Per tornare alle piccole quisquilie nostrane mi veniva di chiederti: Ma per quale squadra fai il tifo?
Saluti!

andima ha detto...

@Anonimo
grazie per i complimenti e per la visita:) per la domanda sul calcio, posso dire che pur venendo dal sud, son cresciuto in una famiglia di interisti e alla fine mi han contagiato! anche se simpatizzo per diverse squadre e per il buon calcio in generale (lo so, a questo punto verrebbe da chiedere perche' tifare inter.. la risposta e', perche' e' una squadra pazza:)

andima ha detto...

ed anche questo post e' finito su Italians, Servegnini me lo ha pubblicato proprio oggi :)
http://www.corriere.it/solferino/severgnini/10-01-23/09.spm

bacco1977 ha detto...

Mi e' stato fatto notare questo post ieri e devo rispondere visto che vengo quasi direttamente citato.

@Luca
Dei bloggers dublinesi siamo rimasti in quattro.
Mi piacerebbe sapere a chi ti riferisci quando scrivi "che scrivono solo cazzate e banalita'". Essere vaghi e' subdolo e vigliacco.

@Andima
Ed hai pure ringraziato Luca. Se non volevi difendere me avresti potuto difendere almeno gli altri bloggers, visto che non mi pare scrivano banalita'. COme ti parrebbe se uno scrivesse una cosa del genere su voi di bruxelles?

Poi sono io a provocare e ad essere incivile. Ma l'incivilta' ha varie forme. Quella subdola e' la peggiore.

Come vedete ho risposto civilmente ad insulti gravi.
Ora, per cortesia, giustificatemi cio' che e' stato scritto. Magari ho travisato io.

andima ha detto...

@bacco
ciao bacco, onestamente non so se Luca abbia cancellato il tuo di feed o si riferisse ad altri blog o quali precisamente si riferisse e quali seguisse, come puoi vedere dalla mia risposta non sono entrato in quella polemica, ho preferito evitare, e' una sua opinione e credo tu debba chiarire con lui, non con me.
L'ho ringraziato per la visita, mica per aver insultato i bloggers dublinesi? :S Per questo non ringrazierei mai, che beneficio o piacere ne traggo?? :S
"se non volevi difendere me", secondo me parti prevenuto, non ho difeso nessuno a priori perche' non sono voluto entrare nella polemica, perche'? Non lo so, magari quel giorno non ero in umore da polemiche e ho preferito ignorare quella parte. Hai ragione, magari avrei dovuto almeno dire una frase "cmq secondo me molti non scrivevano cazzate, ma sono opinioni", magari cosi' non ti sarebbero scattati i due secondi d'ira?
E la mia risposta la vedi come "provocazione ed essere incivile"? Incivilta' in varie forme? Subdola? Sono sicuro di quello che ho appena letto??? No perche' leggo e non ci credo..

Bacco te lo consiglio davvero, l'odio non ha senso, io non ti odio, ti ho odiato magari per qualche minuto quando ho letto gli insulti sul blog di Lyndon e poi qui sul blog, ma sono cose che passano. Che devo fare? continuare ad odiare qualcuno ogni giorno non ha davvero senso. Tu magari sei abituato a provocare, ti piace o lo vedi come una forma di comunicazione, non so, e hai seguitato a farlo in vari post e commenti a quanto ho letto, riferendoti a blog di pensierini, razzismo irlandese che non ti fanno entrare nei locali, etc, ma oramai non reagisco piu' a queste provocazioni.
Se vedi tutto come insulti o invicilta' o se metti sempre la malizia prima di tutto, il problema non e' mio. Se dalla mia risposta hai visto odio, provocazione o incivilta', beh e' un tuo parere, io la rileggo e non ne vedo tracce. Se anche ignorare una cosa, significa provocare.. beh.. siamo messi veramente male. Se devo pesare anche quello che non dico.. oddio.. ogni commento diventa un libro!!! Non scherziamo dai. E' stata una mia leggerezza non dire almeno due parole riguardo quella frase di Luca che poi "cazzete O cose banali", son sempre sue opinioni, ma davvero non costruirei una congiura da parte mia contro di te o altri bloggers solo per non averlo contestato. Qui si', hai travisato tu, secondo me.

buona giornata

bacco1977 ha detto...

@andima

Va bene, riguardo al commento di Luca abbiamo chiarito che non hai detto nulla per evitare polemiche.
Ci puo' stare. io l'ho visto quasi come un "annuire", un silenzio assenso. Ma se tu dici che non e' cosi', non vedo perche' non debba crederti.
Detto questo. Attendo il commento di Luca.

Sul resto.
E' vero pero' che il silenzio puo' anche essere considerato assenso. Questo lo sai. Non voglio farei miei soliti paragoni fuori luogo pero' ti cito un esempio ok?
Supponiamo che Angelo mi dica "Bacco, sai Andima e' ZYZ mentre tu sei superfigo" Ed io gli risponda "Grazie, mi fa piacere ricevere complimenti da te". Ecco, tu saresti autorizzato a sospettare che io stia avallando la tesi di Angelo. Pero' hai anche ragione tu. La mia potrebbe essere una volonta' di andare oltre a lasciar cadere quella frase.

La provocazione e' uno dei miei modi di comunicare sul blog. Probabilmente e' dovuta al carattere ma anche alla mia formazione.
I miei autori preferiti sono notoriamente provocatori.

Riguardo i pensierini. Hai seguito gli ultimi due post di Lyndon? Quello di cork? In cui tutti dicevate che quelli erano solo i suoi pensieri e la sua opinione? Ecco, mi riferivo a tutti voi, quindi non solo te. Ma anche Bruscar, il direttore, ecc.
Non concepisco questa teoria per cui ne parlo alla mia maniera. Per erm e' inconcepibile che ognuno possa dire qualunque cosa gli passi per la testa. Perche', se ci pensi, a livello piu' alto, il nostro amato cavaliere non si comporta mica diversamente?


Sugli Irlandesi razzisti mi riferisco anche te ma, soprattutto e QUASI SEMPRE, a questo post qui:

http://www.barbaropoli.com/2008/07/il-segnale-ovvero-prima-o-poi-capita.html

Due italiani eleganti che vengono cacciati via dal pub. Gli irlandesi cattivi li scacciano.
Rileggitelo.Soprattutto i commenti.

Ti dico di piu' Ieri sono andato in quel pub e faro' un post a breve,.

Ultima cosa. Io odio una sola persona nella mia vita. E quella non sei tu. Stai sereno.

andima ha detto...

@bacco
avevo pensato ad una tua interpretazione silenzio-assenso, ma prima di urlare alla inciviltà o ai ringraziamenti fraintesi avresti potuto provare a spiegarti meglio! Ecco perché parlavo di odio, perché basta una interpretazione per far scattare valanghe di cose. E questo errore io l'avrò fatto centinaia di volte anche sul tuo blog o in qualche vecchio post dell'altro mio blog (o magari anche in questo, ma lo saprò solo rileggendomi tra qualche anno).
Magari e' normale tra me e te perché ci son stati degli attriti in passato e recentissimi, ma cosi' facendo ce li trasciniamo all'infinito :S

Luca ha detto...

Ciao Bacco,

Il mio commento era un apprezzamento nei confronti del blog di Andima. Basta.

Il fatto che io apprezzi e continui a leggere il suo blog è dovuto al fatto che ritengo Antonio una persona con una grande apertura mentale, che sa scrivere bene e che tratta generalmente argomenti che a me risultano interessanti anche se abito e vivo situazioni molto distanti dalle sue.

Il riferimento ai bloggers dublinesi è dovuto al fatto che mi sono reso conto che li leggevo solo perchè vivevo a Dublino e niente più... appena me ne sono andato non hanno attirato più il mio interesse.

Il mio commento non era riferito a te (sennò l'avrei detto senza problemi) ma in generale ai bloggers dublinesi che seguivo (non tutti per carità!).

Comunque,visto che evidentemente lo vuoi sapere, ti dico direttamente quel poco che mi ricordo del tuo blog che ho reputato banale o cazzata:

1) L'essere EROE solo per aver lasciato l'Italia (per me un EROE è qualcosaltro)

2) L'accanimento sulla figura del BAMBOCCIONE ITALIANO (secondo me è un pò banale dire IO SONO UN EROE PERCHE' ME NE SONO ANDATO DALL'ITALIA MENTRE TE SEI UN BAMBOCCIONE PERCHE' TE NE SEI RIMASTO IN ITALIA DALLA MAMMA... il bamboccione per me è solo una vittima della situazione socio-culturale italiana...)

3) Post tipo "La droga fa male" farciti di banalità e perbenismo senza fare un analisi un pò matura dell'argomento...

Questi sono le cose che mi vengono in mente ora, probabilmente me lo chiedevi un anno fa ti avrei potuto fare altri esempi.

bacco1977 ha detto...

E' vero cosi' andiamo avanti all'infinito.
Ad ogni modo mi e' chiara la tua posizione, per cui il discorso e' chiuso per me. Definitivamente.

Non voglio fare la rissa con luca, ma mi piacerebbe sapere a chi si stesse riferendo con quel commento. Ci sono rimasto male, molto. Non me lo aspettavo, visto che non abbiamo mai avuto nulla da ridire.

bacco1977 ha detto...

@Luca

Mi fa paicere che hai risposto e che hai chiarito

Le tre cose che citi sono 3 cose non scritte da me.

1 - Il termine eroe non fu coniato da me, lo utilizzai poi per provocare un tipo che ci rompeva le scatole.
2 -Il post sulla droga non lo feci io.
3- I post sui Bamboccioni non li ho dcritti io

Per cui la critica non e' a me. Di fatto ho anche lasciato il blog dei Cavesi per non essere associato a certe cose che non condividevo e per avere uno spazio tutto mio.

E' comunque un blog che ha dato molto ed e' stato di grande riferimento.
L'unico che e' uscito dalla cerchia di quei pochi blog che parlavano gratuitamente male dell'Irlanda, questo va detto.

Sono contento di avere partecipato al suo successo, ma e' ormai un blog morto perche' ha fatto il suo corso.

Chiusa la questione per me.

TopGun ha detto...

parola magica INTERPRETAZIONE.

Andima for president.
se vi ricordate, sono intervenuto ai tempi degli attriti sul blog di Lyndon poi spostati su un post di andima.

questo perché da terzo, vedevo e vedo l'incomprensione.
il semplicissimo non capirsi,privo di qualsiasi volontà di colpire o offendere, anche perché non ci sono motivi.

da spettatore mi è sempre sembrato questo, ed intervenni senza alcun titolo perché quell'urto non portava niente ed impoveriva il dibattito.
nel mio interesse e nell'interesse di chi è curioso ed ha tratto molto di positivo dal vostro bloggare.

Non conosco Luca, non ho avuto modo di leggere il suo blog.


penso che adesso tutti i punti ed i fraintendimenti siano chiusi.

no?

potete tornare a farci leggere cose interessanti. ;)

p.s. io ho segnalato a bacco il post "Quell'euforia da foglio bianco " per la lettera molto interessante pubblicata da Italians.
quando dice "mi è stato fatto notare questo post ieri" forse si riferiva a me, non ne sono sicuro.
cmq visto che le cose sono state ben chiarite e l'atmosfera mi sembra di nuovo amichevole e distesa, mi prendo l'eventuale merito.
altrimenti me ne lavo le mani :P

cià uagliù :)

andima ha detto...

@Top
forse aveva ragione pedro quando una volta disse che dovremmo tutti prenderci meno sul serio, pero' devo dire una cosa: il dibattito, la condivisione di opinioni, talvolta anche delle difese forti, tutto attraverso questo e gli altri blog che seguo/seguiamo in comune, aiutano, non mi spingo a dire "fanno crescere", ma sicuramente aiutano a capirsi meglio e capire meglio "gli altri" intesi proprio in generale e non "gli altri" con cui ti stai confrontando in un determinato momento. Poi non voglio cadere troppo nella filosofia e perdere il contatto con la realtà, ma c'è sempre il problema dello sdoppiamento delle personalità, reale e virtuale, e che alla fine leggendo senza veder il viso, le espressioni, o senza ascoltare il tono di voce, insomma tutto va alle interpretazioni, e' vero. Mi capita anche in email con amici. Poi le cose rimangono qui, scritte "per sempre", quindi tornando a rileggere in diversi momenti si può avere addirittura un'altra interpretazione, ma sono ragionamenti che magari vanno troppo ot da commenti che sono già ot.
Cmq sono felice che non si siano create altre "blog-risse", sinceramente non ne avevo proprio voglia eppoi oggi sono troppo contento per motivi che non posso dire, per ora:)

@Luca
grazie per essere intervenuto ed aver chiarito e grazie ma per le belle parole eh, non per il resto, a scanso di equivoci:)

TopGun ha detto...

Ecco,
hai capito perfettamente che volevo dire.
meglio non mi sarei potuto esprimere.

p.s. se hai preso al super enalotto e non scrivi più, TIEN' 'A CAZZIMM'!

:P



ciao.

TopGun ha detto...

p.s. pedro aveva ragione, ma non diciamoglielo. ihihih

andima ha detto...

eheheh no niente superenalotto, purtroppo!!!