venerdì 7 ottobre 2011

In giro per Bruxelles

Tanto scompariranno tutti.

5 comments:

pedro ha detto...

sei fortunato, i commenti in basso non li ho mai sentiti in giro, soltanto i primi.

andima ha detto...

@pedro
io invece sì, anche se i secondi me li sono immaginati ed ero anche interessato a pareri altrui, quindi grazie per il tuo contributo.

In generale, volevo rappresentare le due parti senza disegnare un abisso tra loro, senza andare sempre contro chi rema contro né sempre appoggiare i più "deboli", li volevo uguali, ogni parte con i suoi possibili pregiudizi, poi bisogna vedere dove sia la maggioranza, se sia quella più rumorosa che si lancia in simili opinioni o sia quella più silenziosa che invece tace, osserva, studia e magari aspetta, per entrambe.

E in effetti mi manca decisamente la seconda, anche se ho avuto qualche esperienza negativa, a St.Gilles dove vivo adesso, quartiere tra i più misti di Bruxelles, mi è capitato di passare parlando inglese con l'amico tedesco, per esempio, e di sentirci deridere in inglese da dietro da alcuni ragazzi magrebini, per dirne una eh, ma mi piacerebbe saperne di più.

Baol ha detto...

Ma, sbaglio o con la sparizione degli immigrati ti hanno fregato l'idea per un film? O__o

Credo che la bellezza del mondo sia proprio nella varietà e non nell'omologazione

Zax (Andrea) ha detto...

la vignetta è bella, ma sei sicuro sia proprio cosi ? per quei pochi 'islamici' che ho conosciuto ... mi sono fatto l'idea che a 'loro' non spiaccia affatto il 'nostro' stile di vita. Però ne ho conosciuti pochi, non faccio statistica :-)

Andrea

andima ha detto...

@Zax
neanche io faccio statistica, ci mancherebbe:), ma la mia percezione è (percezione, quindi da prendere con le pinze, quelle grandi): i commenti della parte superiore vengono da persone di una certa età, diciamo mature, mentre i commenti della parte in basso vengono da adolescenti o comunque dalle nuove generazioni.
Le vecchie generazioni potrebbero essere giustificate non essendo abituate al cambio e non pronte a certi cambi di ambiente, le nuove potrebbero essere giustificate essendo quelle di mezzo, con un piede nella vecchia cultura ed uno nella nuova. Le vecchie generazioni però hanno la colpa di essere mature e dover comprendere certe cose, quelle nuove ci preoccupano invece perché sono il futuro.
La speranza è che cambino entrambe.