mercoledì 26 settembre 2012

Una squadra fortissimi

Ma dopo gli ultimi ennesimi scandali di corruzione, dalla Lega Nord a Formigoni, da Fiorito a tutta la Regione Lazio per non elencarne altri ancora e senza dimenticare che sui giornali non finisce l'operato giornaliero di chi non è casta ma pur la partorisce senza tregua, nell'Indice Internazionale della Percezione della Corruzione è chiaro che quest'anno l'Italia è veramente pronta per il salto di qualità! Se l'anno scorso era tra i primi paesi in Europa in quanto a corruzione e appena sopra Romania e Tunisia, quest'anno con tutto questo impegno si possono anche superare Colombia e Marrocco, secondo me ce la può fare, sarebbe un giusto traguardo dopo tutti questi sforzi, altro che la finale inaspettata di Prandelli o medaglieri olimpici dorati, questo è l'anno buono per scavalcare addirittura lo Zambia e il Messico e suggellare una qualità oramai indiscutibile del vero sport nazionale, basta soltanto mantenere lo stesso ritmo fino a fine anno, tenere alta la concentrazione e sono sicuro che la conferma arriverà, già le vedo le bandiere tricolore appese ai balconi e le nuove generazioni pronte a mantenere alta la tradizione non più correndo estasiati al Circo Massimo per accogliere il pulman dei vincitori ma restando comodamente al bar o al più guardando i campioni nazionali invitati a Ballarò e ridere mentre Crozza li deride.
Poi c'è pure chi ha il coraggio di dire che non è un paese talentuoso, mah.

7 comments:

Spider ha detto...

ahahaha... bellissimo. Bè, l'importante è vincere: il fine giustifica i mezzi. E la realtà supera la fantasia.
Ho una domanda, visto che non sono italiano. Ma dopo tutti questi circhi, inciucci, nani, ballerie, intrallazzi vari che durano da anni e coinvolgono tutti i partiti (mi sembra chiaro che il PD non è un partito d'opposizione, e tanto meno di sinistra), ma alle prossime votazioni (sempre che ve le facciano fare e non impongano un Monti bis, così da garantirsi automaticamente il mantenimento del posto in parlamento) dovrebbe esserci un terremoto in Italia. Il movimento di Grillo (che rinuncia ai finanziamenti, a candidare persone con la fedina penale sporca, e impone un massimo di legislature) dovrebbe minimo arrivare all'80%. E invece, stando ai sondaggi (sempre che siano imparziali), si attesterebbe attorno ad un 15 - 18 massimo 20%...
Come la spieghi sta cosa? Alla maggioranza degli italiani votanti, sta bene questa situazione?

andima ha detto...

@Spider
la realtà super la fantasia, hai detto bene :)
Sui consensi, beh non è facile valutare la situazione, sicuramente da una parte Grillo e dall'altra Renzi vanno colmando qualche vuoto, qualche delusione e qualche "voto x per non votare y", a lato dei veri consensi. Il M5S senza Grillo raccoglierebbe molti più consensi, secondo me. Renzi nella insalata del PD dovrà forzatamente scendere a compromessi e contraddirsi, non capisco la rottamazione, io avrei creato un altro partito.

sandrokhan80 ha detto...

@Spider @andimabe
Ho scarsissma considerazione di Renzi che sento in continuità diretta con il filone berlusconiano (non c'entra che sta a sinistra!).
Nel M5S c'è sicuramente concentrato la voglia di politica degli italiani repressa e frustrata per tanti anni dai partiti "regolari". Grillo è un importante elemento che può influire sull'insuccesso del movimento.
Vige un caos maggiore di quello che sembra, l'Italia è ad un bivio importante ..... dalla caduta della 1° repubblica non si è fatto altro che stare in una situazione di stallo in cui la politica è degenerata e ne rimangono i resti putrefatti. Ora da questo stallo si deve per forza di cose venir fuori e bisogna stabilire se questo materiale politico putrefatto deve essere rimosso o se vogliamo ancora tenercelo caro. Agli italiani non sta bene la situazione ma è tremendamente difficile venirne fuori!

andima ha detto...

@sandrokhan80
senza contare che paradossalmente (e confermando un certo lassismo endemico) a una parte degli italiani starebbe anche bene continuare con il governo tecnico, un po' stufi della politica nostrana, un po' perché non saprebbero chi votare, un po' perché mangiati dalla propaganda pro-Monti, preferirebbero non votare e tenersi qualcuno imposto.
Quello che più mi preoccupa è il vuoto di idee, di interessi verso problemi reali con proposte di possibili soluzioni, si evidenzia sempre e solo la lotta al potere, i balli di palazzo a scannarsi per un accordo con Casini, con Vendola o chi altro possa portare consensi e un'ipotetica vittoria. Lo so, purtroppo la politica è anche questo, ma così non si va da nessuna parte.
Non da escludere, in ultimo, che un ritorno di B. prenderebbe una certa quantità di voto, con amarezza, ne sono più che sicuro.

sandrokhan80 ha detto...

@andimabe
Con lucidità hai esposto bene la situazione. Il prolungamento ad oltranza del governo tecnico serve ai partiti (come stanno le cose potrebbero prendere una dura batosta con il rischio poi di sbriciolarsi) e ai poteri forti del paese (che devono trovare nuova sicurezze nel sistema politico) perché in questo sbando serve tempo per organizzare qualcosa di apparentemente decente da proporre alla cittadinanza. Andare in questo clima (e magari con una nuova legge elettorale più giusta) alle elezioni farebbe saltare tutto il carrozzone .... sarebbe questa la democrazia che chi amministra male viene punito dall'elettorato ma da noi non ci sono abituati all'idea!

Spider ha detto...

Però ora, ammesso e non concesso che vi facciano votare (cosa di cui non son per nulla convinto, visto che spingono sempre più l'ipotesi di un Monti bis finchè diranno, visto che si fa un Monti bis, che bisogno c'è di sperperare denaro pubblico votando? Scommettiamo?), l'avete veramente la possibilità di far saltare tutto il carrozzone, votando in massa per il M5S, che è l'unica alternativa, con qualche possibilità di riuscita, al "merdaio" attuale.
Per come la vedo io, è inutile votare un candidato interno ad uno degli schieramenti presenti (perchè dire eletti, senza il voto di preferenza, mi sembra troppo) in parlamento, che, seppur alternativo (tipo Renzi), fa sempre parte del sistema casta.
Se votate, la possibilità di far tabula rasa, di disintegrare la casta, questa volta ce l'avete. Lo farete?
In caso di votazione, siete voi gli artefici del vostro destino, non la BCE, la Troika o quant'altro...

andima ha detto...

@Spider
è inutile perderci tempo, hanno già deciso, loro, non il popolo, che deve esserci un Monti bis. E anche se dovesse decidere il popolo, dubito che non uscirebbe fuori un Monti bis, tra appoggio incondizionato dei giornali, dei partiti principali e dell'immagine, senza dimenticare il confronto con quello che lo precedeva. Senza un programma, senza idee, senza consensi, si decide Monti, è bellissima sta cosa, qua siamo a livelli religiosi, purtroppo.