mercoledì 12 gennaio 2011

E i belgi si svegliarono incazzati

E mentre molte famiglie brussellesi lasciano gli alberi di natale fuori la porta, per la strada, sui marciapiedi, come tanti scheletri delle feste passate, al freddo e denudati, niente addobbi né colori dopo le lunghe notti di regali e rumori, nell'attesa che gli addetti comunali passino a raccoglierli per l'ultimo processo del loro destino: un riciclaggio che nobilita, si dice; mentre la metro ricomincia ad affollarsi nuovamente, per respirare nel sospiro altrui in ragnatele di braccia sospese e corse affrettate verso scrivania ed impegni, nel ritorno alla macina quotidiana, sicuramente reso più duro dalla pausa appena terminata; mentre si rivedono le stesse facce in Gare du Midi, quelle che il Natale non è mai arrivato, quelle per cui la baraonda dei saldi di inizio anno non esiste né provoca eccitante insonnia, le facce dei senzatetto aggrappate a corpi senza troppe energie, mentre nel bicchiere lasciato lì, accanto ai piedi o teso tra i muscoli paralizzati, cadono poche monete spesso spese per una Jupiler in più, perché magari meglio stordire le cento voci dei probabili tormenti con un po' di birra, meglio cadere nell'ennesima sonnolenza alienante e sperare in uno straccio di sogno, elemosinando alle connessioni neurali qualche surreale soddisfazione che lasci poi un sorriso al risveglio, anche solo per qualche instante; mentre Bruxelles ritorna ai suoi ritmi consueti, insomma, ecco che i belgi si svegliano un po' incazzati per l'anno nuovo, perché dopo più di sei mesi senza governo, da quando il re subito dopo le elezioni di giugno è dovuto passare dall'ispettore al pre-formatore, dai mediatori al chiarificatore fino al conciliatore (tante cariche, pochi risultati) per formare il nuovo governo cercando di trovare un accordo tra i diversi partiti francofoni e nederladofoni (per la finanziaria, per la regione di Bruxelles e la sopravvivenza del paese inteso come Belgio), si è arrivati ad un punto in cui non si può cercare di far bere un cavallo che non ha sete, e la risoluzione della crisi di governo sembra ritardare sempre più, anzi sembra impossibile tanto che si decide di scendere in piazza con un'unica parola, Vergogna (ufficialmente Shame, in inglese, giusto per non dividersi già dal titolo della manifestazione, anche questo è Belgio).

Vergogna. Nessun governo per il nostro paese dopo 200 giorni.
Va bene, va bene, si sono incazzati.
Resta da vedere quanto incazzati saranno questi belgi, se alla fine saranno i soliti cori monolingui dell'ultima volta, conferma e non altro di un paese che - per alcuni - non c'è, o l'atteso stimolo efficace (?) per smuovere trattative sempre più macchinose e deludenti. Intanto Bruxelles continua, inevitabilmente.
Il re del Belgio, Alberto II: La Costa d'Avorio, ecco un paese! Votano
e una settimana dopo hanno due governi! Qui... sei mesi... e che?
Da una vignetta del quotidiano Le Soir, ironizzando sul Belgio e
 la recente (e drammatica) situazione in Costa d'Avorio.

2 comments:

Anonimo ha detto...

Si dividano, ognuno per la sua strada...e magari si riuniscano a Francia e Olanda...
A questo punto e' 100 volte meglio che mantenere il cadavere in vita...
Repubblica Ceca e Slovacchia lo hanno fatto in modo pacifico...e non e' stata una tragedia, sul lungo periodo ci hanno guadagnato entrambi i paesi...

andima ha detto...

@Anonimo
eh ma a quel punto il problema sarebbe: che fare con Bruxelles? La capitale tanto ricca, situata geograficamente nelle Fiandre ma appena ai confini con la Vallonia e dove soprattutto la maggioranza è francofona?
Proprio la regione di Bruxelles con i suoi comuni limitrofi e le loro problematiche linguistiche è stata tra le cause iniziali di questa crisi, ma nessuno rischierebbe di ritrovarsi senza Bruxelles nel suo ipotetico pezzo di nuova nazione, perché semplicemente non conviene, ma anche per questioni storiche, culturali.
Vedo la situazione un po' più complessa rispetto a Repubblica Ceca e e Slovacchia eppoi c'è un altro punto, magari minore, che potrebbe anche influire: Europa, Europa, Europa e poi siamo qui a spezzarci in tanti piccoli statarelli?